IL GIORNO DELLA MEMORIA

Il “Giorno della Memoria” è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto. È stato così stabilito dalla risoluzione 60/7 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1º novembre 2005.

Si è stabilito di celebrare il Giorno della Memoria ogni 27 gennaio perché in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento ad Auschwitz.

Da quel giorno gli orrori compiuti dai nazisti contro gli Ebrei vennero alla luce e sconvolsero le coscienze tanto da essere condannati come “crimini contro l’umanità”.

Giornata della memoria significa ribadire l’importanza di tenere vivo il ricordo e la memoria storica di quanto è accaduto affinché non si ripeta mai più un orrore simile.

Lo scrittore Primo Levi, testimone e superstite dell’Olocausto scrive: “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte e oscurate: anche le nostre”.

Anche nella nostra scuola abbiamo commemorato questo tragico evento storico vedendo il film “Mi ricordo Anna Frank” di Alberto Negrin e approfondendo questa pagina drammatica della nostra storia.

Ci siamo poi riuniti nell’ aula magna e abbiamo letto delle poesie scritte da noi alunni e suonato delle musiche in memoria delle vittime dell’Olocausto.

Vi proponiamo qui una delle poesie.

Simon MAZZA, Valerio ASANI, Justin CIURAR Classe II A – Scuola secondaria I grado “G. VERGA”

RICORDANDO ANNA FRANK

Ripenso all’alloggio segreto

da un prato che pare infinito,

mi guardo e mi scopro inconcreto:

ho tutto e mi sento smarrito.

Ripenso a quel lento tormento

e a te, casto e fragile fiore,

che nutri un precoce talento

e, vergine, insegui l’amore.

Le ombre non fanno paura:

più amo e meno ci penso

per te, immacolata creatura,

riservo il mio amore più intenso.

Le nubi si muovono lente,

ma ormai sono molto lontane,

e scopro, così dolcemente,

che odo di nuovo campane.

Simon KURTESI

Classe II A – Scuola secondaria I grado “G. VERGA”

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.