Pescara, patria di Gabriele D’Annunzio e di Ennio Flaiano

Pescara, patria di Gabriele D’Annunzio e di Ennio Flaiano

Pescara, lungo l’omonimo fiume, a inizio secolo scorso e fino a Mussolini, era divisa in due Castellammare Adriatico in Abruzzo ultra e Pescara in Abruzzo citra.  Le due riviere oggi sono unite da un ponte ciclopedonale. Dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale rimase solo la città vecchia, patria di due cittadini illustri: Ennio Flaiano e Gabriele d’Annunzio.

Pescara, patria di Gabriele D’Annunzio e di Ennio Flaiano

Sul lungomare un monumento cittadino identitario, la fontana La nave realizzata da Pietro Cascella, scultore pescarese. Si deve a d’Annunzio, che qui nacque il 12 marzo 1863 il nome Pescara. La sua casa, monumento nazionale dal 1927, lui vivente, è in corso Manthonè, dove il poeta spesso tornava a trovare la madre e i fratelli.

Pescara, patria di Gabriele D’Annunzio e di Ennio Flaiano
CASA NATALE D’ANNUNZIO

Qui si ritrova il senso della vita com’era, emozione per i visitatori, anche per i molti oggetti che sono al loro posto, proprio così come il vate li aveva descritti in Notturno: “Nella seconda stanza ci sono i libri della mia puerizia e della mia adolescenza, c’è il leggio musicale di mio fratello, c’è il ritratto di mio padre fanciullo col cardellino. Nella terza stanza c’è il vecchio armadio con i suoi specchi appannati e maculati, c’è l’inginocchiatoio di noce dove mi sedevo in corruccio e rimanevo ammutolito.” Nella camera della zia Maria i ricordi delle preghiere d’infanzia del poeta.

Gli ambienti, che hanno ancora conservato l’antico fascino, esibiscono all’interno cimeli e materiali legati a d’Annunzio e alla sua famiglia. Colpiscono le sue uniformi e i vestiti, così eleganti, e gli accessori del suo guardaroba. Indumenti indossati in occasioni ed eventi sportivi, militari e cerimonie mondane. Interprete raffinato e innovatore della moda maschile di inizio ‘900, egli fu un esteta non solo nelle arti, nella poesia, nelle lettere, nello stile di vita ma anche nello stile di indossare gli abiti e di farseli creare su misura, di lanciare le mode. Negli anni dell’esperienza di Roma, alla fine dell’0ttocento, d’Annunzio era non solo un dandy, come veniva ridimensionato dai suoi detrattori, ma era colui che le mode le dettava, nei salotti della Roma bene si guarda Gabriele d’Annunzio e si prendeva spunto per quel che era la modernità.

Quello che oggi è il retro del museo un tempo era l’ingresso principale modificato a partire dal 1931 dall’architetto del Vittoriale, Giancarlo Maroni, secondo le indicazioni del poeta stesso: “E’ la piccola patria, sensibile qual e là, come la mia pelle. Si ghiaccia in me, si scalda in me, quel che è vecchio mi tocca, quel che è nuovo mi ripugna, la mia angoscia porta tutta la sua gente e tutte le sue età”.

Pescara, patria di Gabriele D’Annunzio e di Ennio Flaiano
CASA FLAIANO

Poco più avanti la casa di Ennio Flaiano, dove nacque 110 anni fa, oggi uno studio privato. “Come la maggior parte degli italiani sono un emigrante interno, spesso penso che la vera saggezza sia di continuare a vivere dove si nasce”. Cronista insuperabile del suo tempo, fine umorista e giornalista ma anche sceneggiatore dei grandi come Antognoni per film come La notte.

Tre dei quattro film stranieri da Oscar di Fellini sono di Flaiano, La strada, Otto e mezzo e Notti di Cabiria, sua fu l’invenzione letteraria della “dolce vita”

A Pescara anche il Media museum, una sorta di tempio flaianeo, cuore del premio a lui dedicato dove ci sono alcune sale dedicate a d’Annunzio

Un tributo al poeta è anche la famosa pineta dannunziana che forse ha ispirato la celeberrima lirica La pioggia nel pineto.

piove sui nostri volti silvani, piove sulle nostre mani nude, 
sui nostri vestimenti leggeri,
sui freschi pensieri che l’anima schiude novella,
sulla favola bella,
che ieri ti illuse e oggi mi illude, o Ermione
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.