CISCO Italian Academy Conference 2019 a Catania

CISCO Italian Academy Conference edizione 2019 si è svolta il 10 aprile 2019 all’auditorium “G. De Carlo” dell’Università di Catania, l’appuntamento annuale durante il quale si incontrano le Academy CISCO italiane, tra le quali figura anche l’ITTS Majorana di Milazzo, presente all’evento con una folta rappresentanza di studenti e docenti.

La conferenza si è aperta con il saluto del Magnifico Rettore dell’Università di Catania, seguito dal discorso dell’AD di Enel eDistribuzione Vincenzo Ranieri, sull’importanza dello studio per riuscire ad affermarsi in un mondo del lavoro che si evolve continuamente e nel quale si registra una sempre crescente richiesta di personale specializzato in diversi ambiti tecnologici.

Tra i vari relatori della conferenza anche una vecchia conoscenza per gli alunni dell’indirizzo Telecomunicazioni del Majorana che hanno partecipato alla CISCO Cybersecurity Scholarship, Luca Lepore, responsabile italiano di Networking Academy, ovvero dei corsi di formazione CISCO erogati su una piattaforma eLearning denominata NetAcad, parte integrante dei supporti telematici alle materie tecniche del settore ICT nelle scuole italiane, incluso il nostro istituto. Il dott. Lepore ha introdotto l’argomento che sarebbe poi stato il fulcro dell’intera conferenza, quello cioè della Cybersecurity, un settore che sta acquisendo sempre maggiore rilevanza a livello globale, al fine di combattere le minacce che colpiscono e colpiranno, con sempre maggiore incidenza, in futuro, i sistemi informatici, sia a livello home/office sia a livello industriale e istituzionale. Come spiegato anche dal dott. Lepore, in Italia ancora non si ha la piena consapevolezza dell’importanza di questo settore, e, proprio a tal fine, CISCO Italia ha deciso di avviare un progetto di scholarship sulla Cybersecurity rivolto a mille studenti provenienti dalle scuole di tutta Italia. Nell’impegnativa fase di test per l’accesso a tali corsi, sono stati quarantasei gli studenti del Majorana ad essere selezionati.

A seguire è intervenuto il responsabile CISCO per l’Europa Karsten Simons, il quale nel suo intervento rivolto soprattutto a noi studenti, ha illustrato l’evoluzione del settore ICT e in particolare della Cybersecurity, e di come nel giro di pochi anni si avrà una richiesta di personale specializzato in sicurezza informatica che supererà, in base alle proiezioni statistiche, di oltre due milioni il numero effettivo di specialisti.

L’intervento successivo, del responsabile di ICT Learning Solution (partner CISCO per la Sicilia) Andrea Cristaldi, si è ricollegato proprio ai nuovi lavori, già esistenti, che prenderanno sempre più piede non solo nelle grandi realtà aziendali, ma anche nella vita di tutti i giorni. Tra questi, ad esempio, il Network Analyzer o il Penetration Tester.

L’ultimo intervento della mattinata è di nuovo di Luca Lepore, il quale nell’ottica dell’intervento precedente, ha illustrato i corsi che CISCO mette a disposizione sulla piattaforma NetAcad, alcuni dei quali gratuiti. Infine si è passati alla premiazione delle Academy CISCO e degli istruttori.

Dopo la pausa pranzo, peraltro svoltasi nella splendida cornice dell’atrio del convento dei benedettini, sede di alcune strutture dell’Università, la conferenza è ripresa nel primo pomeriggio con un breve intervento di Andrea Cristaldi.

CISCO Italian Academy Conference 2019 a Catania

La fase conclusiva ha visto una rassegna di presentazioni di progetti sviluppati da alunni e docenti delle scuole siciliane. A tal proposito era anche presente un ex alunno del nostro istituto, Alessandro Albini, ora studente di Informatica presso l’Università di Messina. Albini ha presentato il suo progetto per la maturità, SunRays , un perfetto esempio di tecnologia IoT wearable, si tratta di un cappello “intelligente”, in grado di monitorare il livello di intensità della componente UV della radiazione solare, ma utilizzabile anche come aiuto ai genitori o agli insegnanti nella localizzazione del luogo in cui si trovano i propri bambini o studenti, come per esempio, nel caso di una gita scolastica, grazie anche ad un app, realizzata dallo stesso Albini, che permette di rilevare e presentare in tempo reale il luogo e la situazione climatica in cui il cappello si trova. Albini ha discusso di alcuni aspetti del suo progetto, in particolare di come venivano implementate, alcune delle funzionalità di rete wireless e internet.

La CISCO Academy Conference del 10 Aprile è stata un’ottima occasione per conoscere le trasformazioni che avverranno e che avvengono tuttora all’interno del nostro settore, soprattutto con l’introduzione nei prossimi anni dello standard denominato 5G, inoltre, per noi studenti del quarto e del quinto anno dell’indirizzo Informatica e Telecomunicazioni si è trattato di una proficua occasione ai fini dell’orientamento post-universitario al mondo del lavoro del futuro.

Cardullo Daniele, IVATL

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.