Il ritratto di Dorian Gray

Oscar Wilde (1854-1900)

[aesop_audio src=”http://www.lettore.org/wp-content/uploads/2018/12/Oscar-Wilde-Il-ritratto-di-Dorian-Gray.mp3″ loop=”on” viewstart=”on” viewend=”off” hidden=”on”]

Il libro che ho deciso di leggere questa estate si intitola Il ritratto di Dorian Gray scritto da Oscar Wilde noto scrittore irlandese. Questo romanzo viene narrato in maniera semplice riuscendo così a comprendere ogni sua parte.   Il protagonista di questo racconto è un nobile inglese di nome Dorian Gray, un ragazzo di bell’aspetto, che rimane colpito dal suo stesso ritratto che gli viene regalato da un suo amico pittore Basil Hallward. Si può dire che Dorian provi quasi invidia per il suo stesso ritratto. Un altro personaggio di questo romanzo è il suo amico Henry Wotton, una persona dal carattere amorale, un uomo senza regole che trascina Dorian in un mondo che non gli appartiene essendo lui un ragazzo dal carattere ingenuo. Pensando di potersi fidare, Dorian gli racconta di essersi innamorato di una fanciulla che fa l’attrice di nome Sybil, ma Henry essendo molto cattivo lo allontana da lei portandola al suicidio. Dopo che accade ciò, Dorian guardando il suo ritratto si accorge che sta invecchiando così lo mette in soffitta e diventato un uomo privo di moralità, arriva ad uccidere il suo amico pittore Basil Hallward, il quale gli rimprovera il tipo di vita che lui conduce. Dorian Gray non volendo più vedere invecchiare il suo volto nella tela, prende il coltello, lo stesso con il quale ha ucciso Basil e colpisce il ritratto al cuore; la tela non si rovina ma lui muore ed il ritratto torna ad essere come prima. Quando i suoi servi lo trovano morto si accorgono che Dorian è irriconoscibile ed ai suoi piedi invece c’è il quadro dove lui è dipinto nella sua bellezza originaria e nella sua giovane età.

In questo romanzo possiamo notare quanto sia debole l’animo umano e quanto siano innocenti i giovani che spesso si fanno influenzare da ciò che li circonda. Anche se questa storia è stato scritta nel secolo scorso, sembra che sia stata ideata ai giorni nostri, perché oggi è più importante apparire anziché far vedere e mostrare chi si è veramente.

Alessio Barbera

I.C. “E. Vittorini”

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.