Filastroccando gioiosamente

Come sappiamo il linguaggio poetico è quanto di più comunicativo possa offrire la lingua. L’ascolto e la lettura di filastrocche e poesie permette ai bambini di emozionarsi osservando le cose con uno sguardo nuovo lontano da stereotipi e luoghi comuni. Attraverso l’analisi dei brani proposti, scoprono ciò che rende poetico un testo: versi, ritmo, rime… Lavorando sulle filastrocche abbiamo preso spunto da “Le favole a rovescio” di G. Rodarie i bambini hanno scritto le “Loro filastrocche” dove ven­gono presentate situazioni originali, che si sono rivelate utili anche per giocare con l’ortografia.

Nella produzione, infine, hanno preso consapevolezza della loro capacità di reinventare in modo creativo la realtà, diventando a loro volta poeti-

 Le insegnanti Maria Rosa Calamunci e Marchetta Mariangela

IC. MILITI- Barcellona Pozzo di Gotto Classe 4° A plesso E. Maiorana

L’accento, dove ci vuole?

Presto sii svelto a ragionare 

così l’accento non potrai sbagliare: 

metti sì per l’affermazione, 

né quando c’è la negazione. 

È, lo sai, vuol dire essere, 

metti una e se vuoi unire. 

Usa sé per le persone, 

se è invece congiunzione. 

Lì e là avverbi sono, 

per indicare questo o quel luogo.

Dà, se qualcosa c’è da dare, 

da preposizione non accentare. 

Tè e biscottini per fare merenda, 

te vuol dir tu in questa faccenda! 

(Rosalba Cocco) 

FAVOLE A ROVESCIO

C’era una volta un lupetto piccoletto       

Che portava alla nonna un bel pranzetto.

Cammina, cammina in mezzo al bosco

incontra una bambina dal cappuccio rosso

che lo fa arrosto per poi mangiarlo in un solo morso.

GRUPPO 1

Filastroccando gioiosamente

Che ne dite di Biancaneve,

invidiosa della matrigna l’avvelena con una pigna.

Ariel, la bella sirena, porta il principe nella pancia della balena.

Rapunzelbella come una modella

Ammazza tutti con la sua padella.

Intanto nella pancia della balena succede una strana scena

Pinocchio giocoliere nell’arena fa volare i fiocchi d’avena.

GRUPPO 2

Filastroccando gioiosamente

E la matrigna di Biancaneve?

nessuno sa dove risiede l’ha confinata in mezzo alla neve.

La Sirenetta in fondo al mare il principe con la sua barca fa annegare.

Hansel e Gretel i due fratellini

Mangiano la strega a pezzettini.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.