Il fumo continua ad attrarre pericolosamente i giovani

Il fumo è la causa di migliaia di morti nel XX secolo e molte altre persone che ancora si ammalano gravemente. Nonostante questi dati scioccanti, la maggior parte della gente di tutto il mondo non riesce a smettere di fare uso di questa “droga” apparentemente innocua: il fumo. Il tumore provocato dal fumo, invece, sarebbe quello più facile da prevenire, poiché basterebbe semplicemente non fare uso di tabacco in generale, evitandone sia i danni diretti che indiretti, quelli cioè legati al cosiddetto “fumo passivo”.

Il fumo continua ad attrarre pericolosamente i giovani

Esso però, nonostante questa consapevolezza, da oltre trent’anni rimane il fattore di morte più alto in tutto il pianeta e i dati sono sconfortanti, poichè ci confermano che il 20% dei ragazzi nella fascia di età compresa tra i 15 e i 24 anni sono già fumatori e il 16% delle ragazze dai 15 ai 24 anni sono fumatrici. E questo è un problema, soprattutto per le ragazze perché il loro sviluppo si ferma prima rispetto ai ragazzi, circa a 18 anni. Sinceramente non tollero il fatto che chi fuma non si accorga che tutto ciò che rilascia con la sigaretta potrebbe, anzi è, essere inalato da un’altra persona non fumatrice che, per questo motivo, potrebbe poi riscontrare il tumore senza aver avuto niente a che fare veramente con il fumo. Spesso coloro che fumano si giustificano con coloro che cercano di dissuaderli dicendo che tanto fanno del male a se stessi, che la vita è la loro e possono farne quello che vogliono. Però anche il fumo passivo è nocivo e non riesco proprio a capire come fa gran parte delle persone a fumare sapendo che ciò potrebbe recare danno ad una persona che gli sta accanto: un genitore, un parente o anche un semplice sconosciuto. Inoltre, purtroppo, una volta che si inizia a fumare raramente si riesce a smettere e, se lo si fa, se ne porteranno per tutta la vita i postumi, visto che solo dopo lunghissimi periodi di astinenza si riuscirà a non sentirne gli effetti negativi. Già, perché anche se qualcuno smette, tutti gli effetti del suo precedente passato si manifesteranno durante il corso della sua restante vita. C’è da dire anche che, nella società moderna, il fumo è anche “immagine” di trasgressione, un’azione proibita che attrae proprio perché circondata da un alone di “divieto” e, come si sa, i divieti attraggono, soprattutto i più giovani.

Il fumo continua ad attrarre pericolosamente i giovani

Così vediamo frequentemente già i ragazzi o addirittura i bambini iniziare a fumare, tanto che ormai ci sono stati molti casi di bambini fumatori anche nelle scuole elementari. E ovviamente, per capire perché succede tutto ciò, bisognerebbe mettersi nei panni del ragazzo fumatore…. Molto spesso l’adolescente fuma per emulare gli adulti, li imita per sentirsi “più grande” o, nella maggior parte dei casi, perché convinto da altri coetanei. Il problema è che un pacchetto di sigarette adesso può essere acquistato anche da un minorenne perché, anche se non tutti lo ammettono e vige una legge che lo dovrebbe impedire, molte tabaccherie non rispettano i divieti e per poter guadagnare arrivano anche a vendere sigarette ad un ragazzino. Fumare per un minorenne, però, è addirittura più pericoloso che per un adulto, perché il suo fisico non è ancora completamente sviluppato e ciò porta a problemi fisici ancora più gravi. Capisco che, una volta instaurata la dipendenza sia fisica che psicologica, solo una forte volontà può spezzare questa catena, ma limitare la produzione di tabacco e derivati o aumentarne il prezzo per scoraggiare soprattutto i più giovani da questa droga a portata di mano, potrebbe avere più risultati delle immagini raccapriccianti sui pacchetti di sigarette. Sinceramente, quindi, spero che nei prossimi anni qualcuno si decida veramente ad attuare drastici cambiamenti in questo campo.

Giuseppe Levita

Classe III, Scuola Sec. di 1° grado “Foscolo” di Barcellona P.G.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.