16 ottobre: “Giornata Mondiale dell’Alimentazione”

16 ottobre: "Giornata Mondiale dell’Alimentazione"

Il 16 ottobre è la “Giornata mondiale dell’alimentazione”, che viene celebrata in questa data perché ricorda l’anniversario della fondazione della FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’Agricoltura). Dal 1981 ad oggi la “Giornata mondiale dell’alimentazione” ha trattato un tema diverso ogni anno e nel 2019 focalizza l’attenzione sull’alimentazione sana e sostenibile per tutti, per raggiungere l’obiettivo nel 2030 per un mondo “Fame Zero”, che non si riferisce solo a garantire il cibo ai paesi poveri, ma a nutrire bene le persone e salvaguardare il nostro pianeta. Tutti sappiamo infatti che una sana alimentazione è molto importante per mantenere il nostro corpo in buona salute.

16 ottobre: "Giornata Mondiale dell’Alimentazione"

Ma cosa significa alimentarsi in modo salutare? Per spiegarlo meglio possiamo parlare della dieta mediterranea, che si basa soprattutto sull’utilizzo di verdure, ortaggi, frutta, cereali e olio d’oliva per condire i cibi, mentre dovremmo mangiare più raramente salumi, carne rossa e dolci. Per ricordarci meglio queste regole, possiamo basarci sulla famosa piramide alimentare, nella quale alla base ci sono i cibi che possiamo mangiare spesso e nella parte più alta, invece, ci sono i cibi che dovremmo mangiare raramente o evitare. Rispettando queste regole e praticando uno sport, cresciamo in modo sano evitando problemi di obesità, pericolosa per la salute. “Alimentazione sostenibile” significa, invece, seguire una dieta che protegge anche il nostro pianeta e i bambini più poveri. Dovremmo imparare per questo a non sprecare il cibo, acquistare prodotti di stagione e comprare alimenti prodotti nelle nostre campagne, così mangiamo cibi freschi ed evitiamo l’uso di prodotti chimici e conservanti che, non solo danneggiano la nostra salute, ma inquinano anche l’ambiente.

Anche la nostra scuola ha partecipato a questa giornata dedicata all’alimentazione e infatti, presso il Museo Didattico “Foscolo”, gli alunni delle classi prime della scuola secondaria di 1° grado hanno incontrato la Dott.ssa Matilde Crisafulli, che ha da poco pubblicato un libro intitolato “Picca Sali” affrontando il tema della sana e tradizionale alimentazione. Per mettere in pratica questi principi, già nella mattinata noi ragazzi abbiamo gustato tutti una deliziosa, ma soprattutto genuina, merenda: pane condito con olio d’oliva e origano. Spero quindi, in cuor mio, che la giornata di riflessione sul problema e l’esperienza vissuta ci aiutino a cambiare la nostra alimentazione, evitando in futuro cibi confezionati, da fast food, e dolciumi, che sono poco salutari. Mi auguro, inoltre, che la famiglia e la scuola ci aiutino a mantenere queste regole e spero che quanto prima nei distributori di cibo delle scuole si possano trovare solo cibi sani e biologici. Per il bene di tutti.

Sofia Mammola

Classe II, Scuola Sec. di 1° grado “Foscolo” di Barcellona P.G.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.