For.TUNA: dal monitoraggio civico al benessere.

Si è svolto sabato 23 marzo 2019 l’importante “Open Event” organizzato dall’ITT “E. Majorana” in seno alla settimana dei dati aperti e del progetto A Scuola di OpenCoesione (ASOC1819). Anche quest’anno l’Istituto Mamertino si è distinto con un monitoraggio molto importante dal titolo “FOR.TUNA”, un progetto portato avanti dall’università di Messina e dall’università di Napoli Federico II in collaborazione con il CNR, che si occupa del riutilizzo degli scarti del TONNO per fini salutistici. Ad essere impegnata la classe 4°A BS, che, nella sua interezza, si è occupata per il terzo anno consecutivo di Monitoraggio Civico, estrapolando dati amministrativi, informazioni e intervistando i principali responsabili di questo progetto.

Si è svolto sabato 23 marzo 2019 l’importante “Open Event” organizzato dall’ITT “E. Majorana” in seno alla settimana dei dati aperti e del progetto A Scuola di OpenCoesione

Nel corso della mattinata, importanti sono stati gli interventi degli esperti. Per l’Università di Messina, la prof.ssa Paola Dugo, la prof.ssa Paola Donato e il Prof. Luigi Mondello. Quest’ultimo, professore ordinario di Chimica Analitica dell’Università degli Studi di Messina, direttore tecnico della Chromaleont (la società incubata nell’Ateneo dello stretto che si occupa del progetto For.Tuna), membro della Commissione Centrale e Tecnica del Sistema Nazionale per l’accreditamento dei laboratori, è stato insignito di moltissimi premi e da novembre del 2017 è uno dei dieci scienziati più influenti al mondo nel campo delle Scienze delle Separazioni (The Analytical Scientist Journal).

Un’Aula Magna gremita ha presenziato all’analisi dei dati amministrativo-contabili, ma anche scientifici di questo importante progetto con il quale si conta di realizzare dei prodotti salutistici (integratori), ricchi di Omega-3 provenienti dagli scarti del Tonno. Particolarmente incisivi i lavori presentati dagli studenti, il monitoraggio civico e il sondaggio online, condotto su un campione importante di popolazione.

I relatori intervenuti si sono complimentati con tutto il TEAM per la maturità e la competenza con le quali sono stati mostrati i dati oggetto d’indagine, testimonianza dell’esperienza accumulata dagli studenti nel corso degli ultimi tre anni e che li ha portati a conquistare nel 2017 il titolo di OpenGov Champion.

È grazie anche a queste attività che l’Istituto guidato da Stello Vadalà, desidera perseguire la consapevolezza civica dei futuri cittadini, sollecitandoli a riflettere sulle politiche di coesione, gli Open Data e il monitoraggio dei fondi pubblici.

Hanno guidato il Team, le proff. Lucia Scolaro e Annamaria Miroddi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.