Canzoni di ieri…canzoni di oggi

Michael Jackson en concert en 1998 Credit: Rue des Archives/AGIP

Oggi, il genere musicale è cambiato rispetto al passato.  Alla radio e alla televisione si ascoltano ancora canzoni di artisti, come i Queen con Freddy Mercury, gli 883, Biagio Antonacci, Mina, che con i loro testi, hanno tramandato e tramandano valori importanti e fondamentali, trasmettendo messaggi di vita, pieni di sentimenti e ai quali si dà molta rilevanza.

Ascoltando anche i racconti dei miei genitori e dei miei nonni, le canzoni del secolo scorso erano veri inni all’amore, ai buoni sentimenti, all’uguaglianza, ai veri valori, descrivevano vere storie d’amore, l’affetto verso i genitori, la vita di tutti i giorni, insomma: quel tipo di musica si ricorda a lungo, si riascolta con piacere, non si dimentica mai. È la musica dei compositori, dei cantautori e dei cantanti come: Claudio Baglioni, Eros Ramazzotti, Giorgia, Laura Pausini, Gianna Nannini e molti altri cantanti inglesi e americani.

Dagli anni 60’ ai nostri giorni, i testi musicali sono cambiati. Le generazioni si sono trasformate, così come pure le apparecchiature per ascoltare musica: si è passati dai dischi ai CD, dai CD ai social. La musica di oggi, infatti si ascolta tramite youtube e spotify e molti cantanti diventano famosi tramite questi canali, oppure grazie ai talent show, cioè a programmi televisivi che fanno loro raggiungere il successo.

Le canzoni che ascoltiamo noi ragazzi hanno un linguaggio diverso, si canta come si parla, si impiegano parole che si usano sulle chat dei telefoni, ad esempio: tipa, taggare, postare, like, profilo ecc…

I cantanti sono per lo più dei rapper o dei trapper che inseriscono nei loro testi molto parolacce, doppi sensi, esaltano droghe, risse e rapporti fra gang, insomma i sentimenti vengono poco evidenziati.

Alcuni di loro durano poco, il tempo di una canzone altri, grazie ai canali internet, riescono ad avere un seguito discreto di fans, e altri ancora, ormai famosi, hanno case discografiche alle spalle che li sostengono. I più conosciuti sono: Ghali, Sfera Ebbasta, Salmo, Emis Chilla, J Ax, FEdez, Drefgold, Gemidaix, Capo Plaza, ecc…

Molte produzioni musicali al giorno d’oggi vengono considerate “stupide ” e “insignificanti”, senza alcun messaggio importante, e da “evitare”, come il pezzo tanto famoso “sigarette alla mattina”, il quale non ha alcun senso logico. Quest’ultimo brano, fa parte di un nuovo genere musicale in circolazione da circa due anni, ovvero il “trap”. Il messaggio espresso nelle canzoni non va assolutamente seguito o preso alla lettera perché il genere trap non fa altro che svuotare i testi da messaggi positivi, per proporre codici di comportamento devianti come: spaccio, soldi facili, vanità e forme di esaltazione verso se stessi e altri atteggiamenti sbagliati, messaggi che, però talvolta, non hanno niente a che vedere  con il trapper stesso.
Ad esempio, la canzone qui di seguito citata,  è un pezzo molto famoso del trapper Sfera Ebbasta: “Sfera Ebbasta piace a tutti, come il McDonald, come i soldi, le modelle e l’erba buona, come Cristiano Ronaldo o Maradona…”, in quest’ultimo riscontriamo appunto la vanità e la stima per se stessi, l’uso eccessivo e scorretto di denaro, spaccio ecc.. Questi sono gli elementi che hanno in seguito segnato negativamente il confine tra la musica obsoleta e quella odierna, ormai “individuata” come genere sbagliato e scorretto.
C’è da sapere, però, che non tutta la musica al giorno d’oggi è trap; esiste ancora un genere, come il pop/pop rock che trasmette sentimenti, messaggi positivi ed è molto facile “ritrovarsi” all’interno di questi testi, che fanno emergere il lato “umano” di ognuno di noi. Artisti molto famosi di questo genere sono Ultimo (che con “il ballo delle incertezze” ha vinto Sanremo nel 2017) e i Maneskin, emersi da poco, ma che presto giungeranno all’apice della popolarità, tra grandi e piccoli. Ascoltando il seguente brano di Ultimo ,intitolato “Pianeti”, notiamo all’istante la differenza col trap: “Come la luce che filtra qui da questa finestra, come la vita che cambia, ma resta la stessa, come un poeta che bacia il dolore, come la notte che ruba silenzi e ti regala paure, io ti aspetto in una stanza che è sospesa in alto, tra la luce delle stelle sto dannato inferno, e vivi tu per me, la vita che io rifiuto, ti aspetto dove ti parlo, restando per sempre muto.”
Sorge subito l’intensità e il messaggio voluto comunicare, spicca l’amore, alcuni aspetti della vita a cui non facciamo comunemente caso, ad esempio la vita che può essere cambiata in meglio o in peggio da un singolo avvenimento, pur rimanendo la stessa, evidenzia come molte persone soffrono in silenzio la notte e tanti altri principi non da poco. Comprendiamo che, il genere trap, lo si ascolta quando si ha voglia di qualcosa di ritmato, da “ribelli”, quando si vuole lasciare il mondo alle spalle per un po’ o staccarsi dai continui pesi e ansie.  “Il lato positivo” della musica odierna, emerge ogni qualvolta noi ragazzi siamo spinti a riflettere per “migliorarci” in un certo senso, ma ciò è possibile solo se siamo capaci di cogliere la vera essenza del testo, nel quale spesso le parole indicano un valore più grande, immenso, rispetto a quello espresso in superficie, non compreso da tutti.

I testi di oggi, quindi messi a confronto con quelli di ieri rivelano la differenza nell’ espressione dei sentimenti, differenza nei valori e negli ideali delle generazioni a cui si riferiscono. I testi di ieri hanno molto sentimento e spesso trattano temi quali la morte, come “la canzone di Marinella” scritta da De André, oppure sentimenti come la nostalgia, l’amore tra due persone, oppure avvenimenti storici come la guerra, un esempio è la canzone “la guerra di Piero”.

Esistono anche delle canzoni con testi più semplici, dove il ritmo può sembrare allegro, ma in realtà nascondono un messaggio più profondo come la canzone di Rino Gaetano “Gianna”. Ci sono poi testi che ti sollevano il morale, che ti spingono a guardare sempre avanti; due delle più rappresentative sono “Ma il cielo è sempre più blu” di Rino Gaetano e “Nel blu” di Modugno, che alla gente trasmette un’idea di libertà.

I testi di oggi, è vero: non sempre hanno un significato incisivo, ma alcune canzoni odierne rivelano pienezza di stati d’animo come: “Non mi avete fatto niente” di Francesco Moro ed Ermal Meta, nel loro testo parlano di non fare la guerra e della crudeltà degli atti terroristici. I Negramaro che sono un gruppo di successo (sempre di oggi) hanno “scritto” anche loro delle canzoni sentimentali come ad esempio “La prima volta” che parla dell’amore tra due persone che nonostante si siano divise ancora si vogliono bene. Purtroppo, però è vero che ci sono troppi ragazzi che fanno canzoni senza senso e comunque diventano famosi come Young Signorino con la sua canzone “alfabeto”, testo molto insignificante. Noi scriventi preferiamo le canzoni di oggi per la melodia, ma non condividiamo i messaggi negativi che molti testi trasmettono.

Aurola Visalli, Claudio Pavone, Sofia Nicolosi,

I.C. “E. Vittorini” Messina

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.