JESUS CHRIST SUPERSTAR mezzo secolo di emozioni

Jesus Christ Superstar compie 50 anni. Da venerdì scorso fino a Pasqua il musical ispirato al disco sarà visibile sul canale on line del compositore lloyd Webber. In Italia l’omaggio al pianoforte nel nuovo disco di Stefano Bollani.

JESUS CHRIST SUPERSTAR che racconta gli ultimi 7 giorni di vita di Gesù trasformati in un disco straordinario, un’opera rock, e non solo… Un film e un musical rappresentato ancora oggi in tutto il mondo. In occasione di questo “particolare” periodo e in concomitanza con i 50 anni di questo capolavoro, Iloyd Webber ha deciso di celebrarli a modo suo: renderà visibile il musical sul suo canale YouTube da venerdì fino a domenica di Pasqua.  Insomma, un ulteriore invito a restare a casa in questi tempi complicati, non dimenticando però la Santa Pasqua.

JESUS CHRIST SUPERSTAR mezzo secolo di emozioni

Una rivoluzione condivisa anche da Stefano Bollani che è tornato con un lavoro ambizioso e particolare: “Piano Variations on Jesus Christ Superstar”, una rivisitazione nuova per pianoforte dell’opera rock composta da Andrew Lloyd Webber con testi di Tim Rice cinquant’anni fa.  Bollani ha tenuto la stessa scaletta, risistemando però alcune canzoni, con l’effetto del one-shot in modo da mantenere un’attenzione narrativa. Jesus Christ Superstar è farcito di informazioni che vengono dal jazz, dal rock, dall’opera e da Stravinskij. “Io, come un minatore, non ho fatto altro che andare a cercare e portare allo scoperto alcune pepite che mi piacevano.”

Jesus Christ Superstar ha sempre significato moltissimo, e forse adesso, a 50 anni di distanza, in questo momento ha un senso ancora più importante. Bollani afferma in una sua intervista: “Io in quella storia, che arriva principalmente dai vangeli apocrifi, vedo questo Gesù come una rappresentazione del mistero e un mistero è anche quello che stiamo affrontando noi in questo momento. Vedo Giuda che tradisce questo mistero, vedo Pilato ed Erode che schiacciano questo mistero per paura. Vedo gli apostoli che cercano di capirci qualcosa e ci mettono molta testa. E vedo Maria Maddalena che invece abbraccia e ama questa creatura senza neanche sapere perché. Capisce che è qualcosa di diverso da un amore terreno. In questo momento penso che dovremmo essere tutti Maria Maddalena: dovremmo riuscire ad accogliere il mistero e non aver paura del futuro.” Bollani inoltre attesta che essendo un divulgatore della musica, questo album potrebbe essere uno strumento per i giovani per scoprire un modo di essere, in quanto tocca dei temi molto profondi e per scoprire un’opera rock originale.

JESUS CHRIST SUPERSTAR mezzo secolo di emozioni

 La scelta di dedicarsi a Jesus Christ Superstar parte da molto lontano. “Da quando avevo 13 o 14 anni e ho visto per la prima volta il film, innamorandomene. Conosco a memoria ogni passaggio, ma solo l’anno scorso ho deciso di mettermi al piano per far rivivere quelle musiche che ho tanto amato. Ho scelto la forma del pianoforte solo perché la storia d’amore è tra l’opera rock e me. E una storia d’amore cresce in bellezza se resta intima“. La stessa “intimità” che ha voluto dare al brano Superstar, l’unico sul quale canta, accompagnato dal coro delle sue donne (“mia moglie, mia figlia, mia sorella. Mia mamma no, perché è davvero stonata“). L’album avrebbe dovuto essere portato anche in tour, ma in questo momento di emergenza sanitaria è impossibile.

Bollani nella sua meravigliosa intervista suggerisce una tecnica di resistenza culturale per questo momento particolare e difficile: “dipingersi il Mondo come vorremmo che fosse. È il modo migliore affinché questo accada. Lamentarsi per quello che non va, come lamentarsi delle privazioni che stiamo subendo perché siamo costretti a casa, si può fare per 5 minuti, ma non serve a niente. La tecnica di resistenza è vedere l’opportunità clamorosa che abbiamo davanti. Tutti là fuori stanno facendo nel loro meglio, non dobbiamo farlo in casa. Usiamo questo tempo per capire qual è il nostro meglio. Io, come musicista, posso studiare e applicarmi di più. Chiunque può lavorare sul proprio essere spirituale.”

Marica Genovese IV C BS

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.