Buon Natale a tutti dai bambini del Terzo Istituto Comprensivo di Milazzo

Buon Natale: gli auguri più belli che piccoli e grandi possono ricevere sono proprio quelli dei bambini, ammantati di un rosso allegro e festoso, con il loro graziosi cappellini, i cerchietti in testa o i buffi occhialini mentre intonano i canti della tradizione, anche in lingue diverse, sotto l’occhio affettuoso e vigile delle maestre, attentissimi a non fare figuracce proprio davanti al Preside;

o ascoltano incantati il suono antico della zampogna; o elaborano i disegni, le poesie, le filastrocche; o s’impegnano nei ”lavoretti” realizzati per iniziative benefiche verso altri bambini, sorretti dalla laboriosità delle loro mamme; o scrivono i ricordi di tanti Natali a scuola, con le maestre e i compagni nel segno dell’amicizia e della gioia di stare insieme; o lanciano messaggi importanti di apertura e solidarietà verso il mondo, perché è sempre Natale se si cerca di renderlo migliore, rinnovando con semplicità e umanità il miracolo della nascita di un Bambino chiamato Gesù.

(A cura di Mariella Meo)

POESIA DI NATALE

LAVORI DI GRUPPO

NATALE FLASHBACK

Della prima elementare mi ricordo il bidello Cristian, travestito da Babbo Natale, che ci ha portato dei regalini: non l’ho riconosciuto, ero molto emozionato  e  lui mi ha fatto vedere il sacco pieno di doni,  mi sentivo troppo felice.

In classe seconda, ricordo che abbiamo realizzato l’omino di Pan Zenzero e degli alberelli che poi abbiamo venduto alla mostra mercato di Solidarietà. Poi abbiamo preparato i canti per fare gli auguri di Natale ai genitori che venivano a vederci.

In classe terza, abbiamo costruito degli alberelli, pupazzi di neve con il das e tanti altri oggetti che abbiamo venduto alla mostra mercato della solidarietà. Poi abbiamo cantato Santa Claus is coming, Natale Rap e altre canzoni… non le ricordo tutte.

Anche in classe quarta il Natale iniziava sempre con i tanti lavoretti che preparavamo per donarli a Babbo Natale e poi si concludeva con uno spettacolo natalizio, la festa con il panettone e la tombola.

In classe quinta, ci siamo preparati al Natale scrivendo una poesia e  abbiamo anche studiato un canto che parla delle tante persone che scappano dalla loro terra a causa della guerra.Noi tutti sappiamo che questo non deve più accadere perché a soffrire sono soprattutto i bambini che spesso rimangono senza i loro genitori.

Alla fine del mio racconto voglio dire delle cose:

Ringrazio le maestre perché loro ci hanno insegnato tante cose e noi non ci stanchiamo mai di imparare; grazie a loro ho imparato a leggere, a scrivere, a scoprire cose nuove.

Grazie lo voglio dire anche ai miei compagni e se a volte litighiamo, non importa, ho capito come risolvere e poi ho imparato un’altra cosa: l’unione fa la forza.

Ora vi mando gli auguri di un felice e splendido Natale a  tutti voi e  alle vostre famiglie.

Basile Gabriel classe V A Baronello

Come hai trascorso il Natale a scuola?

Ricordi ed emozioni di cinque anni di scuola.

Sentirò questa domanda: come hai trascorso il Natale a scuola?

Dalla classe prima alla quinta, ricordo tutti i lavoretti che facevamo e che regalavamo a Babbo Natale, strano ma vero. Noi preparavamo in classe dei regalini per i bambini che non possono averli.

Ogni anno, aspettando Babbo Natale, ricordo che addobbavamo l’aula e poi preparavamo i canti e i balli per fare gli auguri ai genitori che venivano a vederci e dopo iniziavano le vacanze tanto attese.

In questi cinque anni ho imparato tanto dai miei compagni perché spesso ci mettevamo a lavorare insieme; mi piace stare insieme a loro, anche se a volte litighiamo ma non importa, poi ci chiariamo.

Del Natale trascorso a scuola, ricordo anche il bidello Cristian, quando si è travestito da babbo Natale e noi lo abbiamo scoperto.

Il Natale che ho trascorso a scuola in questi cinque anni non lo scorderò mai, perché per me è stato magico e non dimenticherò mai i miei compagni e i miei insegnanti.

Buon Natale e felice anno nuovo.

Hancha Rima Classe V A Plesso Baronello

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.