Gala e Cannistra’: scopriamo i pittoreschi borghi collinari di Barcellona

Gala e Cannistrà: di recente in rappresentanza della nostra scuola, la scuola secondaria di 1° grado “Foscolo” di Barcellona Pozzo di Gotto, grazie ad un progetto dell’amministrazione comunale intitolato “Gita in città”, giovedì 17 ottobre 2019 una decina di noi alunni ci siamo recati nella frazione collinare di Gala per visitarne i molti luoghi caratteristici e poi proseguire la visita nella altrettanto caratteristica frazione di Cannistrà. Il punto di incontro per il gruppo, guidato dall’assessore Angelita Pino e l’esperto Salvatore Scilipoti, è stato stabilito davanti al Municipio. Da lì, dopo aver mangiato dei cornetti al “Bar dello Studente”, siamo saliti sullo scuolabus che ci ha portati fino a Gala, dove la nostra prima tappa è stata il Museo “Epicentro” fondato e diretto da Nino Abbate. Al suo interno abbiamo potuto osservare diversi lavori di artisti provenienti da tutto il mondo, in particolare mattonelle artistiche di diversi stili, dalla più reale alla più animata, dalla più fantasy alla più naturalistica, dalla più colorata a quella più cupa. Vi erano inoltre anche molte statue. Al centro della struttura una parte del pavimento era del tutto formato da queste mattonelle artistiche e ovviamente non ci si poteva camminare perché l’opera si sarebbe rovinata irrimediabilmente. Da lì si accede ad un grandissimo giardino naturale tempestato da parecchie opere d’arte moderne trattanti argomenti come l’immigrazione o alto. Proseguendo abbiamo poi preso un altro scuolabus che ci ha portato nei pressi della antica Torre campanaria di Gala. Quest’ultima è situata ora in mezzo a campi coltivati ma in passato faceva appunto da campanile al Monastero basiliano della Madonna di Gala, del quale oggi non abbiamo più tracce perché su di esso sono situate strutture private. Nei pressi si poteva inoltre trovare anche una torre fortificata chiamata “Torre Coppa”, andata anch’essa distrutta.

Naturalmente il borgo collinare, nella sua parte più antica, ha ancora molti angoli suggestivi e per noi ragazzi è stato molto importante conoscerli. Dopo aver visitato Gala abbiamo poi anche visitato la frazione di Cannistrà, dove abbiamo fatto un piccolo “breakfast” ma, soprattutto, abbiamo passeggiato alla scoperta di altri luoghi con una ricca storia ai giovani il più delle volte sconosciuta. Ben vengano quindi questi progetti che ci permettono di recuperare la nostra cultura e la nostra memoria storica.

Rosario Michele Quattrocchi

Classe II, Scuola Sec. di 1° grado “Foscolo” di Barcellona P.G.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.