La scrittrice Lia Levi all’I.C. “Foscolo” di Barcellona

La scrittrice Lia Levi all'I.C. "Foscolo" di Barcellona

La scrittrice Lia Levi ha partecipato martedì 28 maggio 2019, presso la Bibliotec@Arcobaleno dell’Istituto Comprensivo “Foscolo”, a un interessantissimo incontro per gli alunni della scuola secondaria di primo grado con l’autrice di “Una bambina e basta”, il primo romanzo della scrittrice Lia Levi in cui gli occhi di una bimba si imbattono nella tragedia della guerra e in particolare delle leggi razziali che, promulgate nel 1938, causarono immense tragedie tra gli ebrei italiani e non solo. La scrittrice all’epoca si salvò perché nascosta in un convento, ma ha detto che è necessario parlarne ancora oggi affinché tutti capiscano, e soprattutto noi giovani, quanto possa essere inumano un comportamento simile e che quindi non bisogna dimenticare.

La scrittrice Lia Levi ha partecipato martedì 28 maggio 2019, presso la Bibliotec@Arcobaleno dell'Istituto Comprensivo "Foscolo", a un interessantissimo incontro per gli alunni della scuola secondaria di primo grado con l’autrice di “Una bambina e basta”, il primo romanzo della scrittrice Lia Levi in cui gli occhi di una bimba si imbattono nella tragedia della guerra e in particolare delle leggi razziali che, promulgate nel 1938, causarono immense tragedie tra gli ebrei italiani e non solo.

All’incontro erano presenti le nostre insegnanti, la Dirigente scolastica prof.ssa Felicia Maria Oliveri, la rappresentante del Comune, l’assessore Angelita Pino, e chi ha organizzato l’incontro, la prof.ssa Rosalba Buemi, docente del Liceo “Medi”. I ragazzi che hanno partecipato al progetto di lettura nel corso dell’anno scolastico hanno preparato molti lavori sul libro, che tutti avevano comprato e letto in modo approfondito: Power point, video, lavori cartacei, suonato molti pezzi come “La vita è bella”, “Gam gam”, “La lista di Schindler”, e altre musiche di sottofondo con flauti e tastiere. Inoltre numerose sono state anche le domande ispirate dal libro a cui l’autrice ha cortesemente risposto, chiarendo ancor di più quanto lei sia stata fortunata a non subire la deportazione nei campi di concentramento e come sia importante ricordare tutti quelli che invece la vita l’hanno persa per quegli ingiusti motivi razziali. Dopo le domande l’autrice ha carinamente firmato le copie dei libri intrattenendosi ancora a discutere con gli alunni. L’incontro si è poi concluso con una foto di gruppo di tutti noi partecipanti di fronte alla Bibliotec@ Arcobaleno ove si è svolto il convegno.

La scrittrice Lia Levi all'I.C. "Foscolo" di Barcellona

È stato un momento molto importante questo, sia perché può aiutare noi giovani a sentire, dalla viva voce di chi ha vissuto quel clima di terrore, quanto sia stato drammatico quel momento storico e a farci sperare in un futuro migliore senza atrocità, discriminazioni affinché si possa vivere in modo sereno. Ma importante anche perchè ci ha dato modo di conoscere un’importante scrittrice famosa per i suoi numerosi romanzi per adulti e bambini pluripremiati.

Domenico Calabrò

Classe I, Scuola Sec. di 1° grado “Foscolo” di Barcellona P.G.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.