A.S.S.O. “L’Oncologia sui banchi di scuola”: Primo Premio al Majorana

A.S.S.O. il 24 maggio 2019 tutti assieme per celebrare il dodicesimo anniversario della sua nascita, l’associazione siciliana per il sostegno oncologico, che opera intensamente sul territorio locale e riconosciuta anche a livello nazionale grazie all’impegno assunto dal suo presidente, il prof. Vincenzo Adamo, ordinario di oncologia medica dell’UNIME e direttore dell’Unità operativa di Oncologia medica dell’Azienda Ospedaliera “Papardo” di Messina.

A.S.S.O. “L’Oncologia sui banchi di scuola”: Primo Premio al Majorana

Per l’occasione la stessa associazione ha organizzato l’evento dal titolo “12 anni assieme per l’informazione, la prevenzione e il corretto stile di vita nella lotta contro i tumori”, tenutosi al Palacultura di Messina alle 19.30.

La segreteria dell’Onlus A.S.S.O., grazie all’impegno della dott.ssa Francesca Cacciola ha coinvolto anche le scuole superiori di tutta la provincia, con l’indizione di un concorso per la realizzazione di un video, tipo Pubblicità Progresso. L’obiettivo è quello di sensibilizzare i giovani su questo tema delicato. L’iniziativa è stata da subito accolta dal Dirigente Scolastico prof. Stellario Vadalà dell’ITT “E. Majorana” di Milazzo, che consapevole dell’elevato valore educativo della manifestazione ha fortemente voluto la partecipazione dei suoi ragazzi, per far emergere la loro percezione nei confronti di questa malattia e facilitare l’informazione, essenziale tra i giovani.

A.S.S.O. “L’Oncologia sui banchi di scuola”: Primo Premio al Majorana

Ad aprire la serata presentata da Massimiliano Cavaleri e Rachele Gerace, è stato l’intervento del presidente, prof. Vincenzo Adamo che con grande soddisfazione ha voluto condividere con la cittadinanza i traguardi medico-scientifici raggiunti in questi anni dall’unità operativa di oncologia del Papardo di Messina.

Il professore ha evidenziato inoltre l’importanza del percorso di umanizzazione delle cure per creare una relazione di fiducia tra il paziente, il medico e la sua famiglia, che migliori l’esito della terapia stessa e ha sottolineato tutte le attività promosse dall’A.S.S.O. a favore del benessere psico-fisico e della riabilitazione dei malati oncologici, dai corsi di Zumba a quelli di cucina, alla donazione di un pianoforte a mezza coda che possa con la sua musica dare calore e speranza ai pazienti.

La serata è stata allietata dalle musiche dei SeiOttavi, dei musicisti messinesi Troja e Cicero, del sassofonista Francesco Cafiso e dal coro di voci bianche “Note Colorate”.

A.S.S.O. “L’Oncologia sui banchi di scuola”: Primo Premio al Majorana

Molti gli ospiti illustri, dal campione di canottaggio Giovanni Ficarra che ha evidenziato quanto sia importante la pratica sportiva nella prevenzione contro il cancro ma anche durante e dopo le terapie per gli ammalati, allo chef Antonio Lamberto Martino che ha sottolineato quanto a tavola si possa fare molto per proteggersi dalla malattia.

Madrina della festa di solidarietà è stata l’attrice e cantante Serena Autieri e protagonisti speciali loro, i malati oncologici che hanno ballato e sfilato dimostrando un coraggio e una forza interiore straordinari nell’affrontare col sorriso questo periodo carico di sofferenza.

Nel corso della serata si sono svolte le premiazioni dei video spot migliori, tre i temi trattati:

  • prevenzione del cancro;
  • comunicazione con il paziente;
  • percezione del “mostro” cancro;

ad esaminarli una giuria composta da esperti del settore che ha decretato un vincitore per ogni tematica.

Al Majorana di Milazzo è stato assegnato il “Primo Premio” per la tematica relativa alla “comunicazione con il paziente”, dalla conferma della diagnosi al successivo sostegno terapico e psicologico per affrontare la malattia.

La scuola milazzese ha ricevuto una targa di riconoscimento e un pc portatile grazie al video spot RICOSTRUIAMOCI INSIEME girato dagli studenti coordinati dai docenti Irma Saraò, Giuseppe Massimo Bucca e Antonello Alessi.

Il tema è stato scelto con l’intenzione di voler mettere in evidenza l’importanza dell’alleanza terapeutica “medico-paziente” nel processo di cura del cancro. Nel video, girato dagli studenti del Majorana, si sottolinea che oltre alle informazioni i pazienti hanno bisogno di un contatto, di un coinvolgimento detto anche “engagement”. L’atteggiamento del malato nei confronti della malattia è altrettanto importante, infatti solo con la fiducia nello specialista e con l’accettazione della cura si potranno porre in essere i presupposti per una ricostruzione della propria vita.

Il video dall’alto valore simbolico ha intensamente impressionato e coinvolto l’intera giuria, il professor Adamo in persona ha elogiato i ragazzi affermando che il loro lavoro lo ha particolarmente emozionato.

Il premio è stato consegnato da una paziente oncologica che ha voluto sottolineare quanto sia toccante e significativo il titolo che rispecchia il percorso di “ricostruzione” che sta affrontando in questo periodo doloroso della sua vita.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.