Vivi Internet al Meglio

Il Majorana e la “strada della conoscenza” come argine all’uso irresponsabile del web

dirigente scolastico Stello Vadalà
Il DS Stello Vadalà

Giornata di lavoro e di approfondimento vissuta al Majorana di Milazzo in partnership con Google, Telefono Azzurro e Altroconsumo per il progetto Vivi Internet al meglio.

L’iniziativa, che mira a condurre i giovani ad un uso responsabile del web, è stata coordinata dal prof. Franco Rizzo e si colloca nell’ambito delle azioni di promozione della prevenzione e della lotta al bullismo digitale, in linea con le “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”.

aula magna majorana

L’orgoglio che vivo nell’introdurre i lavori della giornata nasce dal riscontrare la viva partecipazione di autorità e docenti ad un evento oltremodo significativo per tutta la cittadinanza milazzese. Vivi Internet al meglio per noi del Majorana rappresenta un’ulteriore occasione formativa per i nostri alunni e docenti nel solco di una tradizione ormai consolidata di promozione e stimolo di percorsi di cittadinanza attiva che, oggi, passa attraverso l’uso consapevole del web” sono le parole di saluto del Dirigente Scolastico, prof. Stello Vadalà, all’uditorio di autorità, docenti dell’Istituto Tecnico Tecnologico “Ettore Majorana”, dell’ITET “Leonardo da Vinci”, del I e III Istituto Comprensivo di Milazzo  e una rappresentanza di alunni che hanno riempito l’Aula Magna dell’Istituto nei due momenti in cui è stato suddiviso l’evento.

vivi internet al meglio

Presenti la senatrice Barbara Floridia, prima firmataria di un disegno di legge sull’Educazione alla Cittadinanza responsabile e alla Costituzione, Martina Colasante, Public Policy and Governement Relations Analyst di Google, Salvatore Ciro Conte, referente del Settore Scuola Educazione di Telefono Azzurro, il prof. Massimo Villari, dell’Università di Messina, il presidente del Consiglio comunale, Gioachino Nastasi e le massime autorità militari del Comune di Milazzo.

La campagna “Vivi internet al meglio”, promossa da Google, Altroconsumo e Telefono Azzurro, ha preso avvio in Lombardia lo scorso dicembre per poi diffondersi in tutte le regioni italiane con l’obiettivo di formare 30.000 docenti su tutto il territorio nazionale e in Sicilia ha avuto solo due tappe: Palermo e Milazzo.

Proprio dalle parole del referente del Settore Scuola Educazione di Telefono Azzurro, Salvatore Ciro Conte, si è appreso che la giornata al Majorana è stata quella che ha riscontrato maggiori adesioni e successo e ciò ancora una volta sottolinea quanto al centro dell’azione educativo-didattica vi sia sempre il “benessere” dei propri alunni da parte dell’intero corpo docente dell’istituto mamertino.

Oggi più che mai è diventato urgente porre al centro del proprio intervento formativo l’educazione digitale, ormai una delle grandi sfide della società contemporanea. Fare di ogni scuola un’agenzia “non avanti ma al passo coi tempi, dentro al tempo”; una scuola che, come agenzia educativa, trasversalmente, offra percorsi di cittadinanza consapevole e attiva e consenta ai propri alunni di porre argini all’uso scorretto e irresponsabile della rete internet che, di per sé, costituisce un’opportunità.

Conoscere i limiti di questa opportunità è il tema emerso più volte nel corso dei vari interventi dei vari relatori e che ha fatto definire il web alla senatrice Floridia come “il luogo che i ragazzi abitano e che permette di essere simili agli dei!

L’incontro ospitato nei locali del Majorana pertanto ha rappresentato non un momento formale ma di effettiva formazione e riflessione che troverà sicuro riscontro nella pratica quotidiana e didattica dei presenti affinchè ognuno responsabilmente sia e aiuti ad essere “agente”, a dare senso alle proprie azioni e a costruire competenze e fiducia nelle nuove generazioni.

Franca Genovese

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.