L’acqua alta a Venezia…

Nella meravigliosa città di Venezia, si sente parlare di uno strano fenomeno, che si svolge dentro le acque dei suoi canali. Nel 2017 si parla di una marea alta 127 cm, da 4 anni non accadeva ed è allarme.

Il termine “acqua alta” è un’espressione veneziana, arrivata in seguito nel nostro linguaggio comune. Essa indica la particolare alta marea che in alcuni periodi dell’anno provoca l’allagamento, ed è dovuta dalla conformazione “a catino” del Mare Adriatico e della Laguna di Venezia, che viene delimitata da lunghe strisce di terra e sabbia che fungono da “bordo” per le acque marine. Queste barriere naturali si manifestano meno frequentemente, quando venti come lo Scirocco o la Bora cominciano a spirare con forza verso Venezia, impedendo il normale passaggio delle acque verso il mare. Ma a peggiorare la situazione è l’influenza della Luna, che provocando le maree solleva il livello del mar Adriatico.

acqua alta venezia

L’allagamento causato dall’acqua alta però non è omogeneo in tutta la città di Venezia e tanti sono i motivi che lo causano : come per esempio le differenze altimetriche delle singole zone rispetto allo zero mareografico; la distanza tra la città e i canali, la profondità delle rive o  delle fondamenta, la presenza o meno di parapetti vicino alle fondamenta ed ancora  la dislocazione dei tombini comunicanti con le fognature, che, essendo collegati direttamente ai canali, agiscono come sorgenti di allagamento.

A seconda del livello di marea è comunque possibile calcolare la percentuale di allagamento della città, in modo da non essere colti all’improvviso. Ormai a tutti noi resta da sperare che questo fenomeno non perduri, altrimenti potrebbe causare seri danni, non solo alla bellezza estetica della città dal fascino irresistibile, ma anche ai cittadini che ci abitano.

NICOLE SCIOTTO III B

Scuola Media Giuseppe Garibaldi

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.