La società multietnica

La società multietnica è il frutto di un processo storico ormai molto diffuso, e quindi inevitabile, nonostante i politici del nostro Paese si siano impegnati e continuano a farlo per moderare i flussi migratori e l’immigrazione verso il nostro Paese o in generale verso i paesi più sviluppati. Coloro che scappano dal loro Paese natale sono però in cerca di condizioni di vita migliore e di un lavoro per riuscire ad avere un’esistenza più agiata di quella da cui provengono. Un aspetto molto importante che si sviluppa molto spesso in una società multietnica, tuttavia, riguarda la discriminazione, cioè l’emarginazione di queste persone che vengono considerate “indesiderate”, quando di diverso hanno solo culture e tradizioni. Il concetto “d’esser tutti uguali”, previsto del resto anche da tutte le Costituzioni dei paesi democratici, non è però rispettato in quanto buona parte dei migranti viene spesso schiavizzato, sfruttato e sottomesso. Da parte mia penso che di questo aspetto più che negativo se ne dovrebbe occupare in particolare lo Stato, organizzando centri di accoglienza, fornendo servizi sanitari e aiutando chi è in difficoltà.

Noi cittadini, invece, dovremmo agevolare l’immigrato ed accoglierlo, in quanto si tratta di una persona proveniente, spesso da condizioni di miseria, in un paese che non è il suo, dove si parla una lingua diversa e ci sono culture e tradizioni differenti. Penso sia difficile per loro integrarsi in nuovi ambienti, soprattutto se completamente diversi, e in più sopportare la discriminazione e l’emarginazione da parte di chi dovrebbe invece accoglierli e comprenderli.

Sofia Bagnato

Classe III, Scuola Sec. di 1° grado “Foscolo” di Barcellona P.G.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.